Ippocrate

Ippocrate
Contraria contraribus curentur
. Similia similibus curentur

Paracelso

Paracelso
Nel suo manifestarsi la Natura opera non meno prodigiosamente dell'alchimista

Hans Heinrich Reckeweg

Hans Heinrich Reckeweg
...Un giorno costruirò un ponte tra l'Omeopatia e l'Allopatia

Traduci la pagina

pubblicity

Dottoressa Marucci Simonetta- Medico competente medicina complementare

Uno tra i medici più preparati e competenti nel settore dell'endocrinologia è la dr.ssa Marucci Simonetta è endocrinologa presso la ASL 2 Umbria e Presidente della Società italiana di Medicina Integrata. Da anni si occupa dell’integrazione, all’interno della struttura pubblica, di terapie “non convenzionali” accanto a quelle “convenzionali”. È docente presso la Scuola di Omotossicologia dell’Associazione Medica Italiana di Omotossicologia (AIOT), ed è autrice di varie pubblicazioni nel campo della Medicina Biologica e dell’Agopuntura. Un medico che oltre ad essere molto preparato ha una grande umanità, è coinvolta in diversi progetti collegati ai DCA (disturbi del comportamento alimentare) in cui ottiene grandi successi grazie alle sue capacità cliniche ed al suo amore per la genti che cura.
Ha scritto due libri che mi onoro di proporre.

La Cura

La Cura
Immaginehttp://www.macrolibrarsi.org/proxy/data/cop/_big/c/cura.jpg

La Cura

Tutto quello che il tuo medico potrebbe darti

Se ti piace clicca su:


     
Oppure scrivi una recensione

Informazioni aggiuntive

Descrizione di La Cura


Simonetta Marucci è un medico all’antica con conoscenze modernissime (Hamer, PNEI) e antichissime (Fitoterapia, Fiori, Agopuntura…).
In questo libro spiega come la Medicina sia un’arte, più che una scienza, e invita i medici ad arricchire il loro patrimonio di conoscenze e possibilità, per curare il Paziente prima che la sua malattia. E’ un libro per chi esercita o ‘frequenta’ il mondo della medicina.
Aiuta poi tutti noi a sceglie il medico migliore… o a ‘educare’ quello che già ci cura…

"Mio zio Andrea era un "medico di famiglia", di quelli che entravano nelle case e la gente aveva veramente la sensazione che arrivasse un parente. Quando veniva chiamato per visitare qualcuno, non si scocciava, non dava mai l'impressione di avere una infinità di cosa da fare, e che quella visita interferisse magari con attività più importanti. Sembrava avesse sempre tempo per tutti: si sedeva, accettava qualcosa da bere, scambiava due chiacchiere sul raccolto o sulla partita di calcio, faceva battute... e strappava sorrisi.
Di farmaci, in verità, non ne prescriveva più di tanti: ascoltava ed auscultava, palpava ed osservava, parlava, spiegava e, soprattutto, rassicurava... Io che lo seguivo, nei primi anni della mia professione, ero incuriosita e divertita dal suo modo di fare così "leggero", ma poi anche ammirata dalla sua raffinatezza clinica, dall'intuito, dalla capacità di cogliere il particolare che gli permetteva di fare diagnosi. Nel mondo universitario, da cui ero appena uscita, non si familiarizzava coi pazienti e, generalmente, molti difendevano il proprio prestigio frapponendo distanze tra se ed i malati.
 "



L'Anima ha Bisogno di un Luogohttp://www.macrolibrarsi.it/libri/__l_anima_ha_bisogno_di_un_luogo.php?pn=1897

Disturbi alimentari e ricerca dell'identità

Nessun commento:

Posta un commento

Pubblicità il giardino dei libri

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...