Ippocrate

Ippocrate
Contraria contraribus curentur
. Similia similibus curentur

Paracelso

Paracelso
Nel suo manifestarsi la Natura opera non meno prodigiosamente dell'alchimista

Hans Heinrich Reckeweg

Hans Heinrich Reckeweg
...Un giorno costruirò un ponte tra l'Omeopatia e l'Allopatia

Traduci la pagina

pubblicity

Piante contro le Neoplasie: Kalanchoe daigremontiana,Kalanchoe pinnata e Gaston Kalanchoe

Da alcuni studi recenti e dalla tradizione popolare emerge che ci sono almeno tre piante poco conosciute che potrebbero essere utilizzate come coadiuvanti nel controllo delle neoplasie:


- Kalanchoe pinnata (Bryophyllum pinnatum)


Chiamata anche "pianta di  Goethe", perché è stata studiata dal botanico e poeta tedesco. Altri nomi dati in America Latina: Witch, Yerba Bruja, Siempre Viva,  Ojaransín, Hojerilla.

- Kalanchoe daigremontiana (kalanchoe daigremontiana)
Caratteristiche sono le  numerose talee che si formano  sui bordi delle foglie. Le foglie hanno  macchie allungate sulla parte inferiore. Altri nomi: Arantes, Madre di migliaia, kalanchoe messicano.





- Kalanchoe gastonis-bonnieri (Bryophyllum Gaston-Bonniers)

Il nome scientifico venne dato in onore del botanico francese Gaston Bonnier. Questa pianta ha foglie più grandi delle specie precedente.Altri nomi: Ojaransín, Hojerilla, le orecchie d'asino.





Uso medicinale

Queste piante agiscono su varie problematiche dell'organismo  e le possibilità di utilizzo sono davvero molte.
Nella medicina tradizionale, in particolare in America Latina, Asia e Africa e sono usati per trattare le seguenti malattie e condizioni:

- Infortuni e malattie associate con danni alle cellule, come il cancro.
- Ferite profonde con tendenza alla cancrena
- Infezioni, ustioni
- I tumori, ascessi e floroncosi
- Reumatismi
- Infiammazione
- Ipertensione
- Calcoli renali
- Diarrea
- Malattie psicologiche: la schizofrenia, il panico e la paura.

Riequilibrano globalmente l'organismo riparando le cellule danneggiate.

La parte utilizzata sono principalmente le foglie, che hanno un sapore aspro.
 Si può utilizzare sia la parte esterna che quella internacon diverse modalità:

- Esternamente: foglie schiacciate come un cataplasma da mettere nella zona da trattare ; oppure usare il succodelle foglie con olio o vaselina da utilizzare come un unguento.
La pianta ha attività anti-infiammatoria, anti-emorragica, astringente e stimola la cicatrizzazione

- Internamente: lasciare crudo in insalata; oppure  Succo fresco  della pianta (aggiungere acqua per dare più volume); oppure in infusione. Questa è la strategia utilizzata per il trattamento delle neoplasie.

Dosaggio per uso interno: 30 grammi di foglie fresche al giorno . In infusione si può assumere prima di ogni pasto con una dose di un cucchiaino da  dessert cucchiaio , cioè tre infusioni al giorno.

Controindicazioni: Non usare durante la gravidanza, perché può stimolare l'utero.
No dovrebbe essere utilizzata per lunghi periodi ma si possono attuare delle finestre terapeutiche con periodi di sospensione .
La sua composizione comprende o glicosidi cardiaci, per cui in pazienti che hanno avuto problemi di cuore dovranno consultare il medico.
 La ricerca clinica condotta su kalanchoe indica che  dosi fino a  5 grammi di pianta per chilo di peso, non sono tossiche; Potrebbe avere problemi tossici nel dosaggio di circa 350 grammi di foglie per un individuo  di 70 chili, è una dose di quattro a dieci volte superiore a quella raccomandata).

Molto importante è l'atteggiamento mentale del paziente quando si effettua il trattamento, naturalmente ciascuno secondo le sue attitudini mentali , ma sempre devono essere consapevoli del fatto che stiamo usando un essere vivente, ha una parte fisica, ma anche una energia sottile che non vediamo ma  percepiamo. Questa ESSERE VIVENTE ha il potere di guarire e quindi è bene averne rispetto e essere consapevoli di questa verità.
 In America Latina, per esempio, la medicina tradizionale è ben consapevole di questi problemi. Anche in relazione a questo, è importante il nostro atteggiamento verso la malattia, che dovrebbe essere il più positivo possibile e che dovremmo cercare di approfittare delle avversità per imparare le lezioni che l'universo ci vuole insegnare.



Coltivazione di Kalanchoe



I Kalanchoes sono piante tropicali e quindi devono tener conto dei seguenti requisiti:
- Esposizione: si adattano  al sole e all' ombra sono sia piante da esterno che da interno. Tuttavia, non supportano le gelate in inverno pe cui devono essere protetti in caso di pericolo di gelo.
Vogliono luce. Se  sono poste su luoghi alti bisogna  proteggerle dal vento perchè potrebbe danneggiarle.
- Suolo: il migliore terreno è leggero, non argilloso .
Esempio: una miscela di sabbia e torba.
- Innaffiature: l'eccesso di  acqua potrebbe far  marcire le radici. possono vivivere anche in periodi di secca, soprattutto Kalanchoe daigremontiana ma , inquesto caso smettono di crescere.
- Parassiti e malattie: Sono piante resistenti.
- Riproduzione: talee che si formano facilmente sia dalle foglie che dalla radice . Con K. pinnata e K. Gaston sarebbe opportuno mettere fogli su torba per provocare la comparsa delle talee ai bordi delle foglie.
- Raccolta: andare tagliare le foglie dal basso, vale a dire, le più antiche prima.

Per avere abbastanza piante da assumere  per qualche mese per il trattamento delle neoplasie, mantenere le piante in uno stato tale da permettergli di  riprodursi per talea.
Dobbiamo cominciare a imparare quando è l periodo giusto cosi da poter essere in grado  in grado di aiutare qualcuno quando ne ha bisogno.

Se avete un sacco di produzione in un dato momento, potete  le foglie e poi tagliare e conservarle per fare tè (infusione). L'essiccazione richiede calore poiché le foglie trasportano abbastanza acqua, ma non al sole diretto. Possiamo anche congelare le foglie, ma in questo caso deve essere rimosso dal congelatore appena prima di mangiarle perché con il congelamento si perde la consistenza e una volta fuori perdono , rapidamente, efficacia



NOTA BENE:La  K.daigremontiana  è una pianta "invasiva" in alcuni paesi , pertanto, si consiglia di prendere in considerazione questo fatto per evitare un eccessivo propagazione.
tratto da
https://dolcarevolucio.cat/language/es/kalanchoe-kalanchoe-daigremontiana-kalanchoe-gastonis-y-kalanchoe-pinnata/
Cliccando il pulsante troverete risorse molto interessanti su Neoplasia
www.ilgiardinodeilibri.it/ricerca.php?q=tumori&pn=1412

Nessun commento:

Posta un commento

Pubblicità il giardino dei libri

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...